Streetwear

STREETWEAR

Molte volte é facile parlare di streetwear, peró per molti significa aver passato un sacco di tempo sulle panchine del parchetto, a vedere quello che succedeva.

Nel nostro caso, la parola strada significava skateboard: andare in giro con la propria crew, esplorare, scavalcare cancelli, filmare e fotografare.

Per questo motivo il termine streetwear, o abbigliamento da strada, ha un suono tutto particolare: é un suono legato ad un certo tipo di movimento, veloce ma stiloso.

Da sempre marchi come Nike o Vans sono stati nell’immaginario (e negli armadi) degli skater.

Che si trattasse di cittá immense come New York o Los Angeles, certi tipi di sneaker come le Nike Air Force, le Nike Janoski o le Vans Old Skool sono da sempre ai piedi di chi vuole girare la strada in un certo modo.

Recentemente nuovi marchi si sono avvicinati a questo tipo di mondo e sicuramente New Balance Numeric é uno dei piú promettenti, proponendo sneraker allo stesso tempo durature e con un design impeccabile, con un team che spacca, creato dalla leggenda e skater dell'anno per Thrasher Arto Saari.

E se nuove marche entrano nel mondo  delle sneaker, quelle che ci sono da tempo continuano a puntare sui modelli classici ed intramontabili come le Vans Sk8 Hi o le Nike Air Max 95.

Modelli come le Nike SB Janoski o le Nike SB Blazer sono ormai nella testa di ogni skater: la prima perché ha introdotto sul mercato un nuovo modello di skate shoe (che, nella sua semplicitá, ha rivoluzionato la scena) dal profilo classico ma modernizzato dalle tecniche costruttive Air Max e Zoom, mentre la seconda sneaker perché é un classico e intramontabile design degli anni 70, derivato dal basket e riadattato alle esigenze moderne.

E se si parla di classici non possiamo non parlare di modelli incredibili e intramontabili, usciti per Vans: le Vans Sk8-Hi, le Vans Authentic e le Vans Slip On.

Sono quelle sneaker che devono essere nella tua collezione ad ogni costo… che si tratti del modello Vans nere alte, di Vans nere basse e di Vans senza stringhe… chi ha provato queste scarpe é rimasto soddisfatto!

Sono tutte e tre sneaker dal design eterno, nate sulle calde strade californiane (e anche nelle pool vuote!) degli anni 70, grazie soprattutto allo stile e all’aggressivitá delle leggende dello skateboard dell’epoca.

Skater come Tony Alva, Jay Adams o Steve Olson, non hanno solo rappresentato un marchio, non hanno solo indossato le Vans, ma le hanno fatte diventare in breve tempo un’icona dello streetwear mondiale.

Un’icona che ha segnato il cambiamento dello skateboard da surf da strada ad una vera e propria cultura, che in breve tempo avrebbe influenzato non solo lo streetwear e il modo di andare in skateboard, ma anche musica e arte, basta pensare a band come i Minor Threat o i Black Flag, capisaldi della musica punk hardcore americana, che hanno sempre scelto questo tipo di sneaker, sia per la comoditá che per il mondo che rappresentano.

Che il tuo stile sia piú californiano, come Vans, o piú metropolitano, come Nike o New Balance, l’importante é che sia la sneaker che l’abbigliamento streetwear siano confortevoli e duraturi.

Che dire dell’abbigliamento  streetwear di Nike SB, linea che il brand americano ha introdotto recentemente per supportare il proprio skateboard team.

Linee semplici, adatte in ogni situazione, dal design funzionale e dalla costruzione solida e confortevole, adatte sia per le giornate di skateboard che per quelle piú chill sul divano.

Nike Sportswear é la linea dedicata allo streetwear di moda, senza peró escludere la qualitá che da sempre contraddistingue il marchio.

Le Nike Air Max e le Nike Air Jordan sono i padroni di questa scena, ma non possiamo non tenere conto dei modelli che hanno prepotentemente conquistato, e in breve tempo, tutta la streetwear culture mondiale, come le Nike Air Max 97, le Nike Air Max 95 e le Nike Air Force.

Modelli diversi dal solito, dove il design unito alla comoditá sono gli elementi di spicco che li caratterizzano.

E se parliamo di linee semplici e lineari, Vans da sempre produce un abbigliamento streetweardi questo tipo, dai toni sobri e dalle grafiche chiare.

La qualitá é una caratteristica fondamentale per questi capi, e i test da parte del loro skateboard team non lasciano dubbi riguardo la loro durata e fattibilitá.

Parlando di skateboard, hai giá sentito parlare di Polar Skate Co. vero?

Polar é una degli ultimi marchi skateboard che é riuscito ad imporsi a livello mondiale, grazie soprattutto a video come In Search of the Miraculous o We Blew It At Some Point e ad un team stellare, con nomi come Pontus Alv, Dane Brady e Oskar Rozenberg, tra gli altri.

Polar é anche una delle pochissime marche di skateboard che negli ultimi anni é riuscita ad entrare nel mondo del fashion e dello streetwear: una storia strana e semplice, dato che i primi prodotti di abbigliamento ad essere introdotti sul mercato sono state le famose calze Happy Sad, delle semplici calze con una faccina disegnata su entrambi i colli dei piedi, ma che in breve tempo conquistano le masse.

Giacche, marsupi, felpe, t-shirt e pantaloni Polar invadono le strade e le skate session ormai da mesi.

Abbigliamento prodotto in Europa (principalmente in Polonia e Portogallo), con uno stile semplice e nordico ispirato dalla golden age dello skateboard (gli anni 90), anni in cui il giovane Pontus iniziava a girare in California e a muovere i primi passi nell’ambiente.

E se Polar é una delle marche nuove di skateboard, non possiamo dimenticare Thrasher e Santa Cruz.

Thrasher, come magari non sai, é una rivista di skateboard, la prima e la piú radicale rivista mai uscita, autrice di uno dei piú famosi format skateboard televisivi degli ultimi anni, il King Of The Road.

Negli ultimi tempi, grazie alle famose botte di fortuna é riuscita ad imporsi anche su moltissimi marchi di streetwear: non si sa per quale motivo, ma ad un certo punto star del calibro di Rihanna e Justin Bieber hanno iniziato ad indossare felpe e t-shirt Thrasher e da li in poco tempo milioni e milioni di fan hanno iniziato a volere gli stessi vestiti delle loro star preferite.

I social media hanno messo poco a far scoprire questa nuova marca in tutto il mondo e da li a breve l'invasione di streetwear Thrasher é iniziata, soprattutto grazie a logo giá diventati un’icona come il Thrasher Skate Mag e Thrasher Flame.

Per quanto riguarda Santa Cruz Skateboards é un discorso diverso: Santa Cruz Skateboards nasce in California nel 1973 per mano di due surfer che, visto la possibilitá di un buon business, decidono di buttare in piedi una marca di skateboard per, come dicono loro, “avere la possibiltá di surfare sempre”.

É la skateboard company piú longeva del pianeta e il suo team ha avuto nomi incredibili nel passato (Natas Kaupas, Eric Dressen e Jason Jessee, solo per citarne alcuni) e ha segnato, come marca, tanti passi importanti nella storia e nell’evoluzione dello skateboard mondiale, basti pensare che dalla stessa fabbrica sono stati inventati i trucks Independent, di cui parleremo dopo, e hanno prodotto alcuni tra i migliori video di skateboard degli anni 80, tra cui Streets On Fire e Speed Freaks, video che hanno certamente segnato un’epoca e hanno dettato pesantissime regole sul come lo skateboard si sarebbe evoluto negli anni successivi.

Un altro pilastro importante di Santa Cruz Skateboards é stato sicuramente la persona che si é occupata della maggior parte delle grafiche negli ultimi decenni, Jim Phillips.

Jim Phillips é l’autore, oltre a centinaia e centinaia di altre grafiche, della piú iconica mano del mondo dello skateboard, la Screaming Hand, grafica nata nel 1985 ma che, a distanza di anni, é ancora il simbolo di questa company, a dimostrazione che le cose fatte bene durano in eterno.

E cosí, se l’abbigliamento da skateboard deve essere rigorosamente di un certo tipo, l’hardware non deve essere da meno!

Dello streetwear di Polar ti abbiamo giá parlato, ma non dimenticarti che Polar é anche e soprattutto una marca di tavole da skateboard.

Da noi troverai una vastissima scelta di tavole di Polar Skate Co. e siamo sicuri che ne troverai una adatta alle tue  esigenze: che si tratti di una classica tavola  o di una tavola old school, Polar non ti deluderá!

E cosa dire di truck da skateboard e ruote da skateboard?

I truck che preferiamo sono di sicuro gli Independent, una tra le prime marche (e tra le migliori!) ad aver fatto un truck di concezione moderna, con grandissima cura per la resistenza e leggerezza del prodotto.

Il team Independent é stellare, produce alcuni tra i migliori truck sul mercato, adatti a street skating, vert e pool skating e, anche se piccola, ha una forte produzione di abbigliamento, con il logo a croce che molti ricorderanno per le collaborazioni con Supreme.

Si tratta di pochi capi, con grafiche semplici ma con l’attitudine punk rock che da sempre li contraddistingue, ormai usate come vero e proprio simbolo di riconoscimento tra gli skater.

Rimaniamo sull'hardware da skateboard  e dopo aver parlato di tavole e truck parliamo di ruote.

Qui troverai, tra le altre marche, le due migliori marche di ruote da skateboard presenti sul mercato, Spitfire e Bones.

Spitfire nasce a San Francisco nel 1987 e rispecchia appieno lo spirito underground della cittá: veloci, duraturo e con una attitudine da fare paura, garantendo un controllo completo di ogni tua manovra.

Anche loro sono riusciti a creare un logo riconoscibile e duraturo nel tempo (la famosa faccina con le fiamme in testa, chiamata Bighead), riuscendo a mantenere uno standard qualitativo  del prodotto ai massimi livelli.

Bones Wheels, dall’altra parte, ha preferito creare una solidissima reputazione soprattutto per quanto riguarda la qualitá del prodotto, riuscendo ad imporsi in breve tempo come la migliore ruota professionale da skateboard sul mercato.

Creata in casa Powell & Peralta nel 1977, questa ruota ha una produzione totalmente Made in USA, in modo da poter garantire, attraverso maggiori controlli qualitativi, un prodotto sempre perfetto in ogni evenienza.

Le due linee di ruote piú importanti sono le STF (Street Tech Formula) e le SPF (Skate Park Formula), ruote create seguendo le specifiche esigenze di ogni skater, per ogni suolo e per ogni diverso tipo di skateboard.

Un altro prodotto che negli ultimi anni ha trovato una strada tutta sua nell’ambito dello streetwear é quello delle calze.

Molte volte sottovalutato, negli ultimi anni ha imposto, prima di tutto, la sua importanza come accessorio nello streetwear e, in secondo modo, ha sottolineato prepotentemente il fatto che il piede, oltre a stare comodo deve essere stiloso e bello da vedere. 

Stance Socks é sicuramente un leader di questo settore, una marca nata da poco ma che si é imposta sul mercato con collaborazioni importanti come con l’artista Jean-Michel Basquiat, i rapper Wu-Tang Clan o la punk band The Misfits.

Prodotte in morbido cotone e seguendo i migliori accorgimenti di design costruttivo, le calze Stance vi lasceranno i piedi contemporaneamente freschi e areati, sia che siate stati tutto il giorno in giro a skateare, sia che abbiate chillato tutto il giorno con gli amici.

E rimaniamo in California, a respirare quel flow e a pensare al suo clima temperato, con due delle marche streetwear piú fresh sul mercato: Rip N Dip e Huf.

Nascono dalla mente di due skater della west coast, con l’occhio, oltre che sulla tavola, sempre alla ricerca di nuove idee nell’ambito dello streetwear.

Il primo degli skaters citati é Keith Hufnagel, creatore di Huf, uno skater originario di New York City che, negli anni 90, si innamora prima della cittá di San Francisco e, successivamente, di quella di Los Angeles.

Keith decide di aprire uno skateshop a San Francisco, poi decide di trasferirsi a Los Angeles e lo skateshop diventa, in breve tempo, un vero marchio di streetwear.

Huf rappresenta esattamente questo: l’unione di queste tre luoghi, visti attraverso gli occhi di uno dei migliori skater di sempre, con il riguardo ad un prodotto che deve essere, prima che solo ed esclusivamente di moda, duraturo e dal design impeccabile.

Huf parte in un modo inusuale, prima producendo delle ottime skate shoes, e poi concentrandosi sempre di piú sullo streetwear.

Il salto lo fa quando inizia a mettere sul mercato un prodotto semplice ma indispensabilmente stiloso: le calze Plantlife, le famose calze con le foglie di marijuana.

Delle calze di ottima manifattura ma con una grafica a dir poco semplice e geniale, che da subito viene riconosciuta nell’ambito dello streetwear come un’idea contro corrente e coraggiosa.

In breve tempo Huf si é evoluto e le semplici calze e tshirt sono state ben presto affiancate da una vera e propria linea di abbigliamento streetwear che comprende felpe, maglioni, giacche e caldissimi cappellini invernali, sempre peró con quello stile metropolitano tipico delle cittá statunitensi. 

Uno stile completamente diverso ma una storia simile é quella di Rip N Dip, marchio nato nel 2009 in Florida dalle mani dello skater e illustratore Ryan O’Connor che, dopo essersi trasferito nella cittá di Los Angeles, impone la famosa grafica con il gatto Lord Nermal che alza il dito medio al mondo streetwear, diventando subito un brand sinonimo di eccentricitá e dall’essere fuori dalla norma.

La leggenda sulla nascita del nome racconta di come Ryan si trovasse ad uno skateboard camp e, dopo aver scritto sul grip della tavola da skateboard di un ragazzino la parola RIP N DIP (acronimo della frase “Ripping And Dipping”) , si accorse che il nome “girava” bene e da li il passo nel creare un vero e proprio brand é stato breve.

La linea d’abbigliamento é simpatica, sfrontata e irriverente.

Vestiti dal taglio semplice, produzioni pulite con colori pastello e grafiche che faranno di sicuro sorridere: questa é la formula che ha reso, da subito, un marchio come Rip N Dip indispensabile per il mondo streetwear.

E se questi due marchi sono stati creati di recente, si puó dire che un brand come The North Face ha una storia esattamente opposta: nata nella cittá di San Francisco nel 1966, The North Face nasce prima come negozio per appassionati e, nel giro di pochi anni, si evolve in un vero e proprio brand dall’aspetto tecnico ma contemporaneamente di buon gusto, soprattutto grazie alle linee e ai colori semplici.

Pensando a The North Face si pensa subito ad un prodotto caldo, al comfort e alla sicurezza di una costruzione e cura dei dettagli impeccabili.

Solo recentemente questo brand si è aperto allo streetwear, contando su collaborazioni importanti come quelle con Supreme

Oltre ai brand americani abbiamo 3 marchi di streetwear che, invece, sono 100% italiani e riflettono uno modo di vivere e vestire che é sempre stato all’avanguardia nel nostro paese.

Napapijri nasce in Valle D’Aosta nel 1987 come abbigliamento da montagna e il loro stile é un sinonimo di viaggi ed avventure.

Avventure che all’inizio vengono soltanto confinate al mondo della montagna, ma che poi esplodono anche in quello dello streetwear grazie ad un semplice motivo: l’attenzione al dettaglio.

Ogni prodotto Napapijri ha una cura altissima altissima, perché solo con una attenzione di questo tipo si potranno avere dei prodotti veramente di qualitá.

Giacche come la Rainforest o la Skidoo vengono da subito notate e riconosciute come capisaldi di un certo tipo di vestire confortevole e preciso.

Kappa nasce a Torino nel 1967 e diventa immediatamente un leader nella produzione di abbigliamento sportivo.

La sua linea, composta da felpe, track-pants e caldi piumini, é sempre stata di taglio ampio, morbida e comoda.

E’un tipo di abbigliamento dai colori semplici, dove, molte volte, solamente una grafica sobria come la Banda 222, basti per creare un capo unico.

Recentemente collaborazioni importanti come quella con Marcelo Burlon, hanno fatto entrare il marchio nell’olimpo delle streetwear.

Fila nasce a Biella nel 1911 e di tradizione ne ha a tonnellate: negli anni 70 é uno dei leader dell’abbigliamento del tennis e a metá degli anni 90 crea, insieme al giocatore NBA Grant Hill, una scarpa che é ancora considerata un caposaldo della cultura sneaker.

Da questi principi nascono le nuove collezioni Fila: capi dalla manifattura moderna e precisa ma con uno speciale tocco vintage, che rende il tutto unico e particolare.

Capi dai colori scuri e loghi semplici, funzionali, sportivi, dai particolari tagli molto adatti per le ragazze.

Ispirata agli anni 90, le collezioni di Fila sono giá un must per ogni amante dello streetwear.

 

Imposta la direzione crescente
Mostra come Griglia Lista

Articoli 1-24 di 70

Pagina
per pagina
  1. NEW
  2. Rating:
    0%
    Giacca Nike Windrunner black / summit white
    A partire da 80,99 €
    Add to Wish List
  3. Rating:
    0%
    Nike Zoom 2K sail / white / black
    A partire da 90,99 €
    Add to Wish List
  4. Rating:
    0%
    Tshirt Nike Sportswear black
    A partire da 24,99 €
    Add to Wish List
  5. Rating:
    0%
    Tshirt Nike Sportswear white
    A partire da 24,99 €
    Add to Wish List
  6. Rating:
    0%
    Felpa con cappuccio Nike Sportswear black
    A partire da 80,99 €
    Add to Wish List
  7. Rating:
    0%
    Pantaloni Nike Sportswear black / summit white
    A partire da 49,99 €
    Add to Wish List
  8. Rating:
    0%
    Pantaloni Nike Sportswear Swoosh black / white
    A partire da 80,99 €
    Add to Wish List
  9. Rating:
    0%
    Felpa con cappuccio Nike Sportswear white
    A partire da 80,99 €
    Add to Wish List
  10. Rating:
    0%
    Tshirt Nike Sportswear black / white
    A partire da 29,99 €
    Add to Wish List
Imposta la direzione crescente
Mostra come Griglia Lista

Articoli 1-24 di 70

Pagina
per pagina